Riscopriamo il Borgo - V edizione - 5-6 settembre 2015

Riscopriamo il borgo - V edizione - 5-6 settembre 2015Si lavora alacremente tra piazza Borgo, piazza Tribunali e dintorni per la quarta edizione di “Riscopriamo il Borgo”, la manifestazione, in programma sabato 5 e domenica 6 settembre nel centro storico di Airola (BN), che punta alla valorizzazione di uno scorcio storico della Valle Caudina, nel cuore del Sannio beneventano.

Ormai giunta alla quinta edizione la manifestazione, organizzata dalla Pro Loco di Airola con il patrocinio del Comune di Airola e dell’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia), persegue lo scopo di recuperare e valorizzare il centro storico di Piazza Borgo e dintorni,  con un’offerta che mette insieme gastronomia territoriale, arte, cultura e spettacolo.  Ad oggi, grazie allo sforzo  dei soci della Pro Loco di Airola e, soprattutto, dei residenti,  nel corso delle diverse edizioni sono stati resi nuovamente fruibili importanti ricchezze storico-artistiche: la chiesa di San Lorenzo al Borgo (riaperta nel 2011 dopo oltre 40 anni di oblio), i lampioni in ghisa di fine ‘800, restaurati e risistemati ai lati della Chiesa di San Lorenzo, l’edicola votiva  con l’icona della Madonna del Carmelo realizzata in ceramica e, per ultimo, la fontana con la copertura delle pareti in pietra viva.

In occasione del centenario della discesa in campo dell’Italia nella prima Guerra Mondiale, l’edizione 2015 della kermesse caudina prenderà il via, sabato 5 settembre, con l’inaugurazione della mostra “A 100 anni dalla Grande Guerra”, arricchita da testimonianze, immagini, reperti d’epoca e ricostruzioni storiche, a cura della Pro Loco, aperta per l’intero weekend all’interno della Chiesa di San Lorenzo.

Galleria fotografica

 

Nella serata (ore 20) spazio al tradizionale “Palo della Cuccagna”, gioco popolare i cui partecipanti, divisi in squadre, proveranno a scalare un palo, ricoperto di grasso e alto dieci metri, in cima al quale sono posti i premi (prosciutto, salsicce, taralli, caciocavallo, forme di pane e confezioni di pasta).   Alle ore 21 si terrà un altro must dell’evento: la gara di spaghetti,  dove i concorrenti tenteranno di mangiare un piatto di spaghetti con aglio, olio e peperoncino, con le mani legate dietro le spalle. Al concorrente che finirà per primo il piatto andrà un cesto pieno di prodotti alimentari. Dalle 22, e fino alla fine della serata, il gruppo Top Dance23 proporrà un repertorio di balli, tra liscio, dance e latino americani.

La festa proseguirà domenica 6 settembre con uno spazio riservato ai più piccoli, che saranno protagonisti, a partire dalle 17, dei giochi tradizionali (corsa con i sacchi, rottura della pignatta, campana, tiro alla fune e tiro alle boatte), curati dall’associazione culturale “Nuova destinazione d’uso” di Benevento. La serata proseguirà, dalle 21, con l’esibizione musicale di Aldo Vitagliano, cui seguirà lo show del cabarettista Carmine Faraco, l’uomo dei “pekké”, il cui talento comico è stato apprezzato in tv in trasmissioni di grande successo  come “Colorado Cafè” e “Made in Sud”. La manifestazione si concluderà con la suggestiva  accensione del “Ciuccio di fuoco”, prevista per la mezzanotte. Rievocazione di un antico rito apotropaico contadino, che prevedeva l’accensione di fuochi nelle campagne per scacciare gli spiriti cattivi, il Ciuccio di fuoco rappresenta un momento assai atteso dell’evento. Per l’edizione 2015 la scultura del somaro, creata da Bartolomeo Laudando, è stata dipinta dai volontari dell’associazione Textures.

Nel corso delle due serate, al centro del programma ci sarà il rilancio dell’enogastronomia locale. Anche quest’anno protagonista degli stand sarà il prodotto airolano per eccellenza, la cipolla, con la quale si prepareranno gustose frittate, zuppe, taralli e frittelle. A grande richiesta sarà possibile degustare anche l’antica ricetta del posto, la “pizza sciriatura”, prodotto “povero” della cucina contadina, a base di pasta di pane imbottita di ortaggi e affettati locali (melanzane a funghetto, peperoni fritti, cipolle, provola affumicata, pancetta e sopressata), proposto con grandi consensi nelle precedenti edizioni, e innaffiato dal vino rosso caudino. Nella cornice dei vicoli e delle viuzze tra piazza Borgo, piazza Tribunali e San Lorenzo, saranno allestiti inoltre stand di artigiani e artisti sanniti, tra i quali Sofia Maglione, che eseguirà ritratti degli occhi, specchio dell’anima, a chiunque sia interessato a immortalarli.

Sarà inoltre presente uno stand che promuove la conoscenza della Via Francigena del Sud. Saranno presenti il cavaliere Francesco Saverio Barbato Romano, autore del libro “La via Francigena e l'idea di crociata” e l'ingegnere Michele Domenico Todino, responsabile del tracciamento della Via Francigena.

E' importante rivendicare il sodalizio rinato tra tutte le famiglie del Borgo, che, compresa la volontà di valorizzare la propria terra, stanno impiegando ogni energia in questa manifestazione”, ha dichiarato l'ideatore e animatore della manifestazione, Bartolomeo Laudando. “L'auspicio è che si prosegua sulla linea della cultura e del recupero delle nostre radici agrogastronomiche ed è per tale motivo che puntiamo tanto alla valorizzazione della cipolla. Ci auguriamo che sempre più aziende agricole caudine riscoprano quest'ortaggio e che si possa concertare un percorso di ristorazione basata sulla cipolla all'interno di una riscoperta vocazione turistica del nostro territorio”, conclude Laudando.

Adventum - Villaggio di Natale - evento FacebookEvento Facebook

© Pro Loco di Airola